BSM – Banca di San Marino

by

BSM – Banca di San Marino

https://www.bsm.sm

Sede e direzione generale:
Strada della Croce, 39 – 47896 Faetano (Repubblica di San Marino)
Tel. 0549/873411 Dall’estero +378 873411
Fax 0549/873401
E-mail: info@bsm.sm

LA LEGGENDA
La storia narra di San Marino, il Santo giunto da Arbe che secondo la tradizione fondò la Repubblica. Marino, dopo un periodo vissuto a Rimini, sceglie di ritirarsi sul Monte Titano dove fonda una piccola comunità di cristiani. Di questo periodo trascorso sul Monte Titano da Marino si raccontano grandi prodigi. Il momento più importante, però, è stato l’incontro conVerissimo, figlio della nobildonna romana Felicissima, vedova e proprietaria del terreno su cui sorgeva il Monte, che contestava la residenza di Marino nelle sue terre. Quest’ultimo, presagendo le minacciose intenzioni del ragazzo, prega la Provvidenza perché lo aiuti. E proprio in quell’istante Verissimo cade a terra paralizzato. La madre disperata si precipita dal Santo per chiedergli perdono e offrirgli tutto quanto desideri. Il Santo rispose che per se non desidera nulla, quanto piuttosto la loro conversione e battesimo, oltre ad un terreno dove trovare il giusto riposo. Felicissima accetta e, come ringraziamento, offre in dono il Monte Titano a Marino ed alla sua discendenza: Verissimo guarisce e tutta la famiglia si converte al Cristianesimo.

Marino, ordinato anche diacono dal Vescovo di Rimini, continua la sua vita di preghiera e ritiro e, il 3 settembre di un anno sconosciuto (forse il 366), muore. Tale giorno viene solennemente ricordato nella Repubblica. Quanto ci sia di vero è difficile a dirsi: è certo che la zona fu abitata fin dai tempi preistorici, ma è solo dal periodo medioevale che si hanno notizie certe sull’esistenza di una comunità organizzata. Qualunque sia la verità, la leggenda è di certo l’espressione della forte volontà di indipendenza degli abitanti del Monte Titano e suggella l’immagine suggestiva di “antica terra della libertà”.
LA NOSTRA STORIA

Era il 1920 nei giorni precedenti il Natale quando, su iniziativa del parroco don Eugenio Fabbri, e di un gruppo di parrocchiani, venne istituita la società cooperativa in nome collettivo Cassa Rurale di Prestiti di Faetano, sulla scia del movimento italiano iniziato nel 1883.

La creazione della “banca locale” nacque dall’esigenza di riconoscere l’accesso al credito privilegiando le qualità personali rispetto alle garanzie reali, promuovendo l’amministrazione del risparmio senza fini speculativi e combattendo l’usura. Negli anni ’70 avvenne la significativa uscita dal Castello di Faetano con l’apertura della prima filiale in Città, in via Gino Giacomini, dando prova della volontà di servire non più solo una comunità locale ma tutti i sammarinesi.

Il successo della prima esperienza fuori Faetano premiò la lungimiranza ed il coraggio degli Amministratori, tanto che alla fine del ’79 venne inaugurata la filiale di Dogana, una piazza importante, fulcro economico della Repubblica per la possibilità di collegamento diretto con la riviera romagnola. Oggi l’istituto, dopo aver cambiato il nome nel 2001 in Banca di San Marino ed essersi trasformato in società per azioni, conta 12 filiali sul territorio ed il suo patrimonio, che ammontava allora a 320 lire, supera oggi i 110 milioni di euro. L’istituto attualmente è a capo di uno dei gruppi bancari più importanti del Territorio. Attraverso gli utili che ricava dall’attività bancaria la Fondazione Ente Cassa di Faetano, azionista di maggioranza, realizza progetti per lo sviluppo di tutta la Repubblica di San Marino.

I traguardi ottenuti non esauriscono il percorso di crescita della prima banca di credito cooperativo sammarinese: il piccolo arbusto è diventato un grande albero con solide radici che continua a crescere e moltiplicarsi diventando un patrimonio per tutti i sammarinesi.


Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi